VIE DI ACCESSO PER LA SACRA

Via ferrata

clicca qui per visualizzare la mappa sulla quale individuare la via che preferisci per raggiungere la Sacra di San Michele
clicca sull'immagine per ottenere l'ingrandimento

Tutti possono arrivare in auto alla Sacra di San Michele e godersi il panorama scorrendo un pò di storia.

Ben altra cosa è arrivarci percorrendo le ripide pareti del monte Pirchiriano, ammirando la Valle di Susa mentre si sale verso la vetta.
La ferrata è un percorso esposto, si sviluppa in prevalenza su pareti di roccia, protetto da un cavo d'acciaio ove, nei punti più lisci e strapiombanti, si agevola il passaggio con la messa in loco di staffe in ferro, dei veri e propri gradini.
La Ferrata della Sacra, oltre che essere un percorso panoramico è anche carico di storia:
a metà salita incrociamo un vecchio sentiero abbandonato che ci porta ad un bellissimo ripiano chiamato nell'antichità dagli abitanti di Sant'Ambrogio "Pian Cestlet" e dagli abitanti della Chiusa San Michele "Piasa Buè".

Su questo ripiano si trova l'antica chiave di confine tra i comuni scolpita nella roccia.
Più in alto una spaccatura orizzontale forma una valletta ben nascosta, non visibile, a suo tempo usata come nascondiglio dai partigiani della zona.
Ancora sopra esiste un altro sentiero che nell'antichità collegava la frazione di San Pietro con l'abitato della Chiusa passando su una cengia chiamata "U Saut du Cin".

Altra curiosità sono gli evidenti segni lasciati dallo scorrere del ghiacciaio in questa valle, tra cui dei massi di granito bianco (roccia che non ha niente a che vedere con il serpentino locale), trasportati su questa parete nell'era glaciale.

Vedi anche: Alla Sacra a cavallo - Alla Sacra da Sant'Ambrogio - Via ferrata alla Sacra - Via intersezionale versante ovest - Mulattiera: salendo dalla Chiusa