Comune di Reano

Comune di Reano

PIAZZA XX SETTEMBRE 1 - REANO (TO)
tel. 011/93.10244
Fax 011 9310510
Mail: sindaco@comune.reano.to.it
PEC: comune.reano.to@legalmail.it
www.comune.reano.to.it

Alcuni cenni di Reano

Reano è un comune della collina torinese, situato a ridosso della prima cintura ed inserito nell’anfiteatro morenico di Rivoli, in prossimità della bassa Valsusa e dei laghi di Avigliana.
La parte antica del paese (che conserva parte dei tratti di un borgo medioevale) si sviluppa a semicerchio sulle pendici di un’altura sulla quale sorge il castello. Qui si trovava già in epoca romana una fortificazione al cui interno (come ci attesta una lapide trovata nel Cinquecento) vi era un Sodalicium marmorarium, ossia un collegio di marmorari che vi risiedevano allo scopo di esplorare le numerose cave di marmo presenti nelle alture vicine.
A testimonianza della sua storia il paese conserva l’ottocentesca Chiesa Parrocchiale di San Giorgio, che sorge su un piano leggermente elevato di fronte al castello; fu edificata per volontà del principe Carlo Emanuele Dal Pozzo e venne terminata nel 1852 sulle rovine della precedente chiesa medievale.
Come si evince, la storia di Reano è intimamente legata alle vicende della famiglia dei Principi dal Pozzo della Cisterna (ramo cadetto di Casa Savoia), molto apprezzata per le numerose opere filantropiche a beneficio dei sudditi reanesi.

Il Castello domina l’abitato dalla cima del poggio su cui sorge. Le sue origini sono antichissime in quanto già in epoca romana nel luogo dove sorge era un piccolo fortilizio.
Dopo essere stato oggetto di diverse costruzioni difensive, nel XIII secolo il castello subì nuovi interventi architettonici che gli conferirono l’attuale aspetto.
La sua storia è strettamente legata alla famiglia Dal Pozzo che lo acquistò nel 1566 e ne rimase in possesso per secoli, sino alla morte avvenuta nel 1876, della Principessa Maria Vittoria, Signora di Reano e Regina di Spagna, figura molto cara ai reanesi per la sua sensibilità e generosità.
Attualmente il Castello è di proprietà privata.

La Chiesa Parrocchiale di San Giorgio, di stile gotico-normanno, fu eretta nel 1852, su un poggio che domina il paese, per volontà del Principe Carlo Emanuele dal Pozzo, sulle rovine della precedente chiesa medioevale e fu dedicata a San Giorgio Martire, Santo patrono di Reano.

L’edificio scolastico fondato dalla famiglia Dal Pozzo della Cisterna, nacque come scuola femminile a cui la principessa Maria Vittoria nel 1867, volle aggiungere un asilo infantile per i bimbi di Reano.
Successivamente divenne scuola elementare e rimase di proprietà degli eredi di casa Savoia sino al 1996, quando fu acquistata dal Comune.
L’edificio, nell’anno 2003, venne ristrutturato e ampliato con l’aggiunta di una nuova ala, dotata anche di palestra per attività ludico sportive e nell’anno 2009 è stata realizzata la seconda sezione della scuola dell’infanzia con l’ampliamento e la riorganizzazione delle aule e degli ambienti esistenti.

La Cappella della Madonna della Pietà, annessa alla scuola, dedicata alla Madonna della Pietà, fu donata dalla popolazione reanese ai Principi della Cisterna che l’ampliarono e ne fissarono il loro sepolcro.
Oltre all’arca marmorea adornata da due statue di marmo bianco, opere di Vicenzo Vela, la Cappella custodisce tre pregevoli dipinti appartenenti al celebre ciclo pittorico di Pietrafitta, eseguiti da alcuni fra i migliori pittori toscani presenti a Firenze alla fine del cinquecento.

Nell’anno 2003 è stata realizzata, con il cofinanziamento dell’Unione Europea, un’area polivalente fieristica, espositiva e mercatale, intitolata alla figura del donatore di sangue.
Adiacente alla stessa si trova il centro sportivo ricreativo comunale “Il Parco”, dotato di parco giochi, due campi da tennis, campo da bocce, locali idonei al servizio bar-ristorazione e di “Pagoda”, tensostruttura polivalente riscaldata, utilizzata per spettacoli, intrattenimento e ristorazione.
Questi spazi accolgono molteplici eventi e manifestazioni a carattere culturale, ricreativo e sportivo di rilevanza locale, provinciale e regionale, realizzate dal Comune e dalle Associazioni Locali.